Ginestra. Significato ristretto di cacchiuni.
Caldaia.
Dal lat. caldaria (idem). Per il consonantismo v. quazetta. Alterati: cadaruni, cadaruncieddu. Toponimo torrese: “quadara di lu Diavulu”.
Rapprendersi, cagliare. Dal lat. coagulare (idem).
Miscela di fango e detriti. Da “coagulo” con suffisso.
Caglio; sperma. Dal lat. coagulum (idem). V. quaglià.
Varietà di cavolo. Dall’it. “cavolo”, con forma diminutiva (“cavolella”). Dal lat. tardo caulus, greco kaulós (fusto, stelo, cavolo).
Querela. Voce italiana con metatesi e cambio della vocale iniziale in a come in numerosi altri casi.
Quando, allorché. Dal lat. quando (idem) con assimilazione.
In questo anno. Dal lat. hocque anno (idem). Antico italiano “uguanno” e “unguanno”. “Annu muretti Pietru e quannu mi vinia lu fietu” = troppa distanza temporale fra causa ed effetto.
Quanto, quanti. Dal lat. quantus e quantum (idem, aggettivo e avverbio).
Quaresima. Dal lat. quadragesima (quarantesimo giorno prima di Pasqua).
Che matura dopo 40 giorni. “Fasuli dìnnii e quarantini” = fagioli d’India e con un ciclo di sviluppo pari a 40 giorni.
Quarantore. Si ricorda che il tempo indicato per la nota pratica religiosa è quello in cui il corpo di Cristo restò nel sepolcro.
Recipiente, ciotola detta anche quartara e quartana, che misura un quarto di barile. Dal lat. quarta (pars) = quarta parte.
Spostarsi, girarsi, muoversi a zig-zag. Dall’it. “quarto” nel senso di “spostarsi a quarti”.
Quaderno. Dal lat. quaternio (di 4 fogli). La t desonorizzata come in quatru, quatriglia, quatrimesti, quatrà.
Contadina, donna pienotta. Da voci latine come quadrinus (di 4 anni) o quartarius (del quarto), forse incrociate, per indicare persona piccola e tozza.
Calzare. Dal lat. calceare da calceus (scarpa).
Calza, calzetta. Dal lat. medievale calcea da calx, calcis (tallone). Accrescitivo quazittuni; dim. cazittinu, quazariellu; anche cauzetta, cauzittuni.

Calzoni lunghi fino al polpaccio.
Calzoni di lunghezza normale. V. quazetta. Anche cauzuni. “Ti fai mitti lu quazuni” = ti lasci comandare.
Uomo grossolano, noioso; strano, sconosciuto. Dall’inglese quaker (quacchero).
Questua. Dal lat. quaerere (chiedere) un deverbale che sembra ricalcare il suffisso greco -smos (cfr. crìsima,pàsimu).
Soldi, denari. Dal lat. quibus (con i quali), complemento di mezzo.
Parete. Dall’it. “quinta” nel senso di “diaframma verticale del palcoscenico” (si pensa fossero 5).
Plenilunio. Corrisponde a “quinta settimana” (per l’inizio del nuovo ciclo lunare), oppure a “quintadecima luna” (= quindicesimo giorno dal novilunio). (A proposito di novilunio, una delle tante forme di saluto alla luna ricomparsa: “Luna luna nova / nun t’aggiu vistu ancora / e mù chi t’aggiu vistu / jèttami quatt’ova” oppure “Salutammi a Giesucristu”).
Calma, quietitudine. Adattamento della corrispondente voce italiana.

 

Lascia un commento